Sei qui
Home > Nuove tecnologie > Augmented reality: La realtà aumentata

Augmented reality: La realtà aumentata

Che cos’è la realtà aumentata? E’ l’accrescimento dei dati forniti dalla realtà percepita tramite elementi virtuali che ne completano l’informazione. La realtà viene, appunto, aumentata da informazioni aggiuntive.

Augmented reality

Come spesso accade, si sente parlare di una nuova tecnologia solamente quando essa è divenuta “di moda”, anche se fino a quel momento è stata sfruttata per anni nei campi più disparati. E’ questo il caso della realtà aumentata o, in inglese, augmented reality.

Ma che cos’è la realtà aumentata e come funziona? Si tratta dell’accrescimento dei dati forniti dalla realtà percepita tramite elementi virtuali che ne completano l’informazione. La realtà viene, appunto, aumentata da informazioni aggiuntive.

L’ abbiamo vista al cinema in numerosi film in cui i protagonisti, indossando un paio di occhiali tecnologici, osservano una realtà ricca di indicatori e forme geometriche che ne descrivono le caratteristiche, spesso accompagnati da una voce che ne completa le informazioni.

Tuttavia, oltre l’immaginazione cinematografica, gli utilizzi pratici sono molteplici: da anni viene utilizzata in ambito militare (ad esempio sui display degli aerei vengono mostrate informazioni aggiuntive sul suolo) e medicale, i moderni smartphone permettono di inquadrare un paesaggio e grazie alle informazioni ricevute tramite GPS ed a quelle ottenute tramite bussola e rilevatore di campo magnetico integrati riescono ad indicare all’utilizzatore informazioni circa ciò che si sta inquadrando in quel momento.

Ancora, è possibile conoscere gli uffici ospitati all’interno di un palazzo o la distanza tra noi e la nostra auto parcheggiata, le informazioni su un monumento in una città d’arte o quelle sulla strada che stiamo percorrendo, e tutto ciò sempre attraverso il display del dispositivo con cui stiamo inquadrando la realtà.

L’interazione con alcune console per videogames come la Nintendo WII non avviene più tramite un controller, ma attraverso movimenti del corpo, dando all’ esperienza di gioco una percezione realistica delle azioni. Microsoft Natal addirittura permette di comandare i movimenti attraverso il riconoscimento dei movimenti, facciale e vocale proiettandoli su un avatar che replica perfettamente i movimenti del giocatore.

Ultimamente la pubblicità ha iniziato ad investire in questa modalità di promozione. Basta inquadrare un’ immagine per ottenere informazioni aggiuntive sul prodotto promosso sotto forma di animazioni 3D, video, suoni o contenuti multimediali in genere.

Ma purtroppo, come spesso capita, presi dalla moda  di turno, non riusciamo ad essere lungimiranti e ad immaginare i possibili ed immensi scenari di utilizzo di questa interessante tecnologia. Certamente, in un giorno lontano non potremo fare a meno degli occhiali visti al cinema per conoscere il nome dello sconosciuto che ci sta venendo incontro in una strada affollata, ma fino ad allora potremo provare a fare qualche divertente esperimento:

Stampate la pagina a questo indirizzo, poi andate a questo link e cliccate su uno dei due pulsanti in basso a destra (Launch Wind Turbine o Launch Solar Energy). Accendete la webcam e inquadrate il foglio appena stampato; il risultato è documentato in questo video:

Un altro video che ritengo interessante è stato creato da uno studente di architettura e mostra un utilizzo a scopo didattico della realtà aumentata:

Top