Sei qui
Home > Hi-Tech > Tecnologia PSR per ridurre i consumi

Tecnologia PSR per ridurre i consumi

Immagini a GPU spenta e maggiore autonomia

La tecnologia PSR (Panel Self Refresh) creata da Intel riduce i consumi ed aumenta l’autonomia della batteria aggiornando lo schermo anche a GPU spenta.

PSR - Panel Self Refresh

I futuri ultrabook LG Shuriken Eighteen saranno i primi ad adottare la nuova tecnologia PSR, acronimo di Panel Self Refresh, creata da Intel ed applicata ad uno schermo per ridurre i consumi attraverso la riduzione dell’utilizzo del sistema di alimentazione. Ciò consente di ottenere una maggiore autonomia con un risparmio di circa 500 mW di potenza che corrisponde a circa un’ora di durata in più della batteria nel caso di un computer portatile.

Ma per poter comprendere meglio il funzionamento della tecnologia PSR dobbiamo partire dal significato di frequenza di refresh.

Chi non è esperto del settore deve sapere che nelle tecnologie fino ad ora adottate le immagini vengono aggiornate, anche in assenza di cambiamenti, ad una frequenza di refresh di almeno 60Hz, ovvero la GPU, (Unità di Elaborazione Grafica), deve continuare a inviare segnali al monitor per aggiornare le immagini ad una velocità costante che può raggiungere anche le 60 volte al secondo.

Tale frequenza deve essere quindi la più elevata possibile per un film o un videogioco, mentre potrebbe essere nulla nel caso di un’immagine statica.

La tecnologia PSR utilizza un buffer TCON (Timing Controller) integrato nello schermo, ovvero una piccola quantità di memoria locale dedicata che memorizza l’ultimo frame inviato al display, ed aggiorna l’immagine direttamente dal buffer solo se l’immagine è statica, lasciando inattiva la GPU e la CPU.

E’ chiaro che i vantaggi maggiori si possono riscontrare nei caso in cui l’utilizzo del PC sia orientato maggiormente ad applicazioni che mantengono per la maggior parte del tempo le immagini fisse (lettura di un testo, consultazione di foto ecc) riducendosi notevolmente se il computer è utilizzato, ad esempio, per riprodurre video o per giocare.

Anche se attualmente la tecnologia è applicata alla GPU integrata nei processori, non ci sono vincoli tecnici che vietino di applicarla anche alle schede video dedicate.

La tecnologia PSR è inclusa nello standard d’interfaccia digitale EDP versione 1.3 (Embedded DisplayPort), prodotto dalla VESA, Video Electronics Standards Association e sarà integrato già nelle CPU Ivy Bridge.

Top