Sei qui
Home > Fotocamere Digitali > Nikon 1 e le nuove mirrorless J1 e V1

Nikon 1 e le nuove mirrorless J1 e V1

Promettono riprese a 60 FPS

Anche Nikon esordisce nel mondo delle mirrorless con le nuove Nikon V1 e Nikon J1 da 10 megapixel che vantano una velocità di rirpesa a 60 FPS e una rapida messa a fuoco.

Nikon 1

Anche Nikon esordisce nel mondo delle mirrorless presentando le nuove Nikon V1 e Nikon J1, entrambe da 10 megapixel. Si direbbe quasi che l’interesse della casa nipponica nei confronti delle EVIL abbia conferito a questo settore l’attenzione che esso meritava già da tempo, ma che finora ha faticato a ricevere.

La scelta di Nikon di entrare con un “elegante ritardo” in questo mercato può essere interpretata in diversi modi, ma sicuramente gli ha consentito di osservare bene il mercato, valutare l’insoddisfazione dei clienti verso alcune fasce e il loro desideri. Il risultato non ha deluso le aspettative di chi si aspettava questo esordio: Nikon ha saputo ideare un prodotto capace di trarre il meglio delle compatte e delle altre mirrorless in commercio.

Il risultato è il sistema Nikon 1 (si legge Nikon One) che punta su un’elevata qualità delle immagini, portabilità, facilità di utilizzo, velocità di ripresa (60 FPS), velocità e precisione dell’autofocus, una nuovo sistema di obiettivi chiamato 1 Nikkor (che comprende un 10-30mm, un teleobiettivo zoom 30-110mm compatto, un grandangolo 10mm e un 10-100mm con zoom motorizzato, ottimo per le riprese video) e nuovi accessori come Flash e modulo GPS.

Con queste premesse, il sistema Nikon 1 consentirà alla casa nipponica di aprirsi a nuove fasce di mercato senza compromettere quelle in cui è già leader, come il mercato delle reflex e quello delle compatte.

In effetti il dilemma di chi vede le reflex troppo lontane dalle proprie esigenze è stato finora quello di dover scegliere tra una compatta di fascia alta ed un sistema ad ottiche intercambiabili, opzioni un po’ troppo distanti tra loro per via degli ingombri e della spesa. Nikon, quindi, riesce a proporre una soluzione equilibrata grazie ad un sensore da 1″, più grande di quelli di cui sono dotati le compatte, ma più piccolo di quelli del sistema Quattro Terzi.

Nasce così un nuovo formato destinato a diventare un nuovo punto di riferimento nel sistema ad ottiche intercambiabili. Il nuovo sensore CX da 10,1 megapixel CMOS è affiancato dal potente processore Expeed 3 che conferisce alla macchina velocità di ripresa, di messa a fuoco e di elaborazione mai viste prima (600 Mp/s).

In effetti Nikon sembra essersi concentrata sulla velocità di acquisizione foto e video: si parla di riprese video Full HD a 60 FPS (interlacciato) o 30 FPS (progressivo). Ma non finisce qui: è possibile girare video da 5 secondi a 400 FPS da 640×240 pixel e video da 1200 FPS da 320×120 pixel. La raffica vera e propria invece è di 10 scatti al secondo.

Grazie a queste caratteristiche tecniche, il sistema Nikon 1 ha potuto proporre funzionalità originali (anche se non nuovissime) come il Motion Snapshot: la macchina, alla pressione del pulsante di scatto, registra 60 fotogrammi riprendendo per un secondo gli istanti precedenti allo scatto vero e proprio a partire dalla messa a fuoco. Viene creato così un filmato rallenty di 2,5 secondi accompagnato da una musica a scelta che termina con lo scatto finale. Inoltre viene archiviato anche un filmato di 7,5 secondi che riprende gli istanti precedenti e successivi allo scatto, e quindi sarà possibile conservare il ricordo del “backstage” della foto!

Invece lo Smart Photo Selector, grazie alla velocità di scatto, permette di scattare a raffica 20 immagini in un secondo e scegliere successivamente quale conservare (immaginate quando dopo aver scattato una foto notate il soggetto con gli occhi chiusi).

Ulteriore punto di forza di Nikon 1 è l’innovativo sistema di autofocus ibrido realizzato combinando sensori a rilevazione di fase (73 al centro dell’inquadratura) e di contrasto (135 ai margini dell’inquadratura). Il potente processore consente di elaborare velocemente tutte le informazioni con un risultato rapido e preciso.

Nikon J1

La J1 è la fotocamera entry-level del sistema Nikon 1, è più piccola e leggera della sorella maggiore ed integra un flash pop-up. E’ disponibile nelle versioni black, white, silver, red e pink al prezzo di 599 euro abbinata ad un obiettivo 10-30mm.

 

Nikon V1

La V1, disponibile in versione black e white, è il modello top di gamma, più grande e completa rispetto alla J1, non è dotata di flash ma può contare su un attacco per montare gli accessori (ad esempio flash e GPS), un otturatore meccanico, un mirino elettronico e un display di risoluzione più grande. E’ anch’essa abbinata ad obiettivo 10-30mm ad un prezzo di 849 euro.

 

Conclusioni

La Nikon ha preso la sua decisione entrando in un settore, quello delle CSC, abbastanza particolare e ostico. Le aziende apripista (prime fra tutte Panasonic e Olympus, poi seguite anche da Sony e Samsung) hanno già un know-how abbastanza affermato e un parco obiettivi e accessori abbastanza vasto. Considerando che le quote di mercato sono ancora molto basse in Europa, e ancora di più in Italia, non raggiungendo percentuali a 2 cifre, pare che la Nikon abbia fatto una mossa abbastanza rischiosa. Sembra quasi che i vertici della casa nipponica vogliano contare sul prestigio del nome e sulla propria tecnologia per ampliare la propria offerta di prodotti e per non lasciare inesplorata questa fetta di mercato in mano a concorrenti agguerriti.

Ora non resta che guardare come risponderanno gli utenti, con un leader di mercato che affronta il mondo mirrorless, finora snobbato, e soprattutto come reagiranno le case concorrenti, che si troveranno con un coinquilino scomodo.

L’avversario storico, Canon, sembrava in affanno, lasciando i fans a immaginare un ingresso tardivo nello stesso mercato, trovandosi a inseguire Nikon. Invece la casa bianco-rossa ha sorpreso tutti con un annuncio storico, presentando una videocamera e una reflex che possono montare indifferentemente obiettivi video e reflex, più un parco di nuove ottiche compatibili.

Solo il tempo ci dirà se ha ragione Nikon ad entrare in un sistema creato da altri, o Canon a creare un sistema nuovo e rivoluzionario nel mondo foto/video.

Top