Sei qui
Home > Hardware PC > AMD Radeon HD 7970, la prima GPU a 28 nanometri

AMD Radeon HD 7970, la prima GPU a 28 nanometri

Attualmente è la più veloce scheda video a singola GPU

La AMD Radeon HD 7970 è la scheda video a singola GPU più veloce al mondo. Supporta le DirectX 11.1, Eyefinity 2.0 ed è compatible con PCI Express 3.0.

AMD Radeon HD 7970

A sorpresa AMD ha anticipato di qualche settimana l’uscita della Radeon HD 7970, la prima scheda video a 28 nanometri. Si tratta di una scheda video basata su un’architettura progettata ex novo per poter supportare le DirectX 11.1.e lo standard PCI Express 3.0. La nuova GPU Tahiti è dotata del 60% di transistor in più rispetto alla precedente GPU Cayman, pur essendo più piccola.

Ciò è possibile proprio grazie al nuovo processo costruttivo da 28 nm che consente anche di ridurre i consumi ed il calore prodotto.

La AMD Radeon HD 7970 andrà a sostituire la AMD Radeon HD 6970. La sua GPU lavora a 925 MHz e le memorie, 3GB DDR5, lavorano ad una frequenza di 5,5 GHz. Dati alla mano, in termini di prestazioni la AMD Radeon HD 7970 si posiziona tra la Nvidia GeForce GTX 580 e la AMD Radeon HD 6990 (che però è dotata di 2 GPU).

Anche qui ritroviamo il PowerTune, che si occupa di monitorare costantemente le frequenze della GPU modificandole nel caso in cui l’energia richiesta stia per superare il TDP massimo. Viene introdotta anche la nuova tecnologia che fa in modo di ridurre il consumo della GPU e della memoria: infatti, grazie a ZeroCore, la scheda video in idle (cioè quando non lavora) consuma solo 15 W, e a monitor spento disattiva la GPU e, quindi, anche la ventola di raffreddamento. Inoltre ZeroCore disattiva altre schede video collegate in CrossFire se non utilizzate. Un bel risparmio!

Altra novità assoluta è la compatibilità con lo standard PCI Express 3.0. Veri e propri vantaggi in termini di prestazioni, però, si potranno verificare quando ci saranno software in grado di richiedere un bandwidth superiore a quello offerta dallo standard PCI Express 2.0.

Le dimensioni della HD 7970 sono le stesse della HD 6970, pur presentando differenze estetiche e di progettazione. Infatti la ventola di raffreddamento, anche se collocata nella stessa posizione, è più grande per poter generare un maggior flusso d’aria ad una rotazione minore. Ciò si traduce in una maggiore efficienza con consumi e rumorosità minori. Inoltre il sistema di raffreddamento a camera di vapore è stato rivisto per poter ottimizzare ulteriormente il flusso d’aria che circola all’interno della scheda, grazie anche alla rimozione del secondo connettore DVI presente nella HD 6970.

In effetti ora è presente solo un connettore dual-link DVI, ma troviamo comunque due porte mini-DisplayPort e una porta HDMI. Come la Radeon HD 6970, i connettori per l’alimentazione sono due, uno a 6 PIN e l’altro ad 8 PIN. Infine troviamo lo switch per il dual-BIOS ed i tradizionali connettori CrossFire. Grazie alla tecnologia AMD Eyefinity 2.0, la HD 7970 è in grado di supportare fino a sei monitor contemporaneamente.

Finalmente è anche possibile utilizzare HD3D ed Eyefinity sfruttando la potenza offerta dal CrossFire, eliminando quel punto di svantaggio rispetto la concorrenza. Supportato anche lo standard Fast HDMI 3 GHz e l’API Stereo3D che sarà introdotta da Microsoft in Windows 8.

In conclusione, ad un prezzo di 499 euro ci si porta a casa una scheda video dalle prestazioni eccezionali, la più veloce tra le schede a singola GPU attualmente in commercio, con consumi ulteriormente ridotti e già pronta per le DirectX 11.1 che verranno introdotte con Windows 8.

Tuttavia, proprio a causa dell’anticipo con cui AMD ha presentato la HD 7970, è per ora impossibile testare la scheda in condizioni ottimali, con driver sufficientemente ottimizzati e giochi che utilizzino le DirectX 11.1, ma le premesse per fare della HD 7970 una delle schede video più ricercate dai videogiocatori esigenti ci sono tutte.

Non resta che aspettare la commercializzazione da parte dei partner con le relative proposte e la risposta da parte di Nvidia con la sua nuova architettura Kepler.

Top