Sei qui
Home > Console e Videogames > Steam Box, la console di Valve basata su linux

Steam Box, la console di Valve basata su linux

E' un Mini-PC modulare compatto, completo ed aperto ad altri Sitemi Operativi

Steam Box è la potente console di Valve prodotta da Xi3 Corporation con nome in codice Piston e basata su sistema operativo Linux.

Steam Box Xi3 Piston

Emergono le prime specifiche di Steam Box, la prima console da gioco prodotta da Xi3 Corporation per conto di Valve, la software house che ha realizzato l’innovativa piattaforma di digital delivering Steam. Per chi ancora non lo sapesse, Steam è la piattaforma che distribuisce e gestisce migliaia di giochi e conta una community di oltre 50 milioni di giocatori in tutto il mondo (10 milioni in più di Xbox LIVE, tanto per fare un paragone).

Recentemente Steam ha intrapreso un’apertura verso Linux rendendo disponibili diversi giochi per il Sistema Operativo del pinguino e Gabe Newell, amministratore delegato di Valve Corporation, ha dimostrato di non avere molto gradito l’ultima creazione di Microsoft, Windows 8.

Dunque, potendo contare su una community così ampia e volendo rappresentare una soluzione alla necessità di contrapporre la flessibilità alla rigidità strutturale di altri sistemi, ecco che Valve ha deciso di commissionare a Xi3 Corporation la realizzazione di una propria console potente ed in grado di fornire agli utenti tutta la flessibilità di un PC.

In effetti la Xi3 Corporation è da tempo specializzata nella progettazione e realizzazione di PC modulari estremamente compatti  ad elevate prestazioni, racchiusi all’interno di piccoli chassis e per Valve ha proposto un modello di media potenza con nome in codice Piston, basato sul design modulare del modello X7A di Xi3, e supererà in prestazioni la Xbox 360 e la PS3.

Sulla console saranno già pre-installati Linux e la piattaforma Steam nella sua versione Big Picture, ma l’utente potrà scegliere di installare anche altri sistemi operativi liberamente. Gabe Newell ha anche annunciato che altri produttori di hardware potranno creare la propria Steam Box, in modo simile al Piston di Xi3, seguendo le specifiche di Valve.

Le specifiche tecniche non sono ancora precise, ma si sa che Piston offrirà una APU AMD con CPU quad-core da 3.2 GHz e GPU da 384 shader core programmabili, fino a 1TB di spazio per lo storage, 8 porte USB di cui 4 USB 3.0, uscita Hdmi, 4 porte eSATA, 8 Gigabyte di RAM DDR3, porta di rete Gigabit, DisplayPort, audio in/out ecc.

Architetture simili sono state testate con giochi del calibro di Battlefield 3, Crysis 2 e Skyrim al massimo dei dettagli con risultati soddisfacenti. Però dobbiamo considerare l’imminente uscita delle nuove console Sony e Microsoft, ovvero la PS4 e la Xbox 720 rispetto alle quali la Steam Box, con le caratteristiche tecniche attuali, sarà inferiore in termini di prestazioni.

Dunque, perchè comprare una console meno potente delle soluzioni che usciranno quando verrà commercializzato il Piston? Una possibile motivazione potrebbe essere il form factor contenuto.

Tuttavia bisogna considerare 2 aspetti fondamentali: il sistema operativo Linux consente di dedicare le risorse hardware completamente all’esecuzione dei giochi senza essere impiegate da altri processi in background.

In secondo luogo, come abbiamo detto, questa console è basata su un’architettura modulare, quindi facilmente espandibile: un domani potrebbe essere aggiornata con una nuova APU, quindi con una nuova GPU, e con altre RAM, proprio come un PC.

Infine, sarebbe meraviglioso ritrovare sulla console i giochi acquistati per il PC e viceversa.

Nemmeno il prezzo è certo, ma la soluzione X7A di Xi3, con caratteristiche molto simili, costa circa 1000 $, forse un po’ troppo alto per una console. Invece il modello X5A, soluzione base di Xi3, costa circa 500 $.

Top